Tematiche

Una delle distinzioni principali che si fa in materia di investimenti è quella settoriale. Molte SGR offrono ai loro clienti i cosiddetti “fondi azionari tematici” che comprano strumenti appartenenti a specifici settori e che sono diventati molto popolari negli ultimi anni. Esempi sono Pictet Robotics, che investe nel segmento della robotica e dell’automazione e BGF World Technology che investe globalmente almeno il 70% del patrimonio complessivo nelle azioni di società operanti prevalentemente nel settore tecnologico.

Secondo i più cauti, i fondi tematici vanno trattati con attenzione e non occorre farsi attrarre dalle tendenze più in voga al momento. Infatti, se il mercato dovesse avere un periodo di crisi, i gestori possono avere meno flessibilità nel virare su strumenti di altri settori, senza dimenticare il rischio di concentrazione.

Fondi ed ETF

Si può investire nei “temi” sia utilizzando strumenti a gestione attiva, come i fondi comuni di investimento, sia con strumenti meno costosi che mirano a replicare un determinato mercato, come gli ETF.

In America è in atto una vera e propria conversione dalla gestione attiva a quella passiva. Gli ETF hanno raggiunto l’80% del totale della ricchezza investita, mentre in Europa siamo su percentuali più basse, ma in forte ascesa (20% circa al momento) secondo la Morningstar Research del 31/12/2019.

Data la preferenza degli investitori e l’attenzione che essi hanno alle tematiche che guidano il mondo del futuro, abbiamo deciso di segmentare il nostro sito in altrettante sezioni per rendere il vostro apprendimento il più ordinato possibile.

Trovate i settori che abbiamo analizzato con i nostri articoli proprio qui sotto, buona lettura!